Esperienze artistiche tra le Dolomiti ampezzane

Se insistiamo con questa zona della nostra bella Italia è perché qui ci sono tante cose da scoprire. Nella stagione dei colori si possono scoprire, tra le valli ampezzane, piccole, artistiche collezioni-meraviglia. 

Nel momento in cui le prime foglie trascolorano, facendo da contrappunto alla prima neve sulle cime delle Dolomiti ampezzane, alle meraviglie della natura si aggiunge la scoperta della bellezza intima e inaspettata di piccole collezioni ed esperienze artistiche autentiche. A Cortina una collezione privata unica offre l’occasione di cantare, con un tocco in stile alpino, il ritornello di una celebre canzone del ’99 dedicata all’iconica Vespa. A lei, infatti, è dedicata una piccola e preziosa raccolta piena d’anima, nata dall’amore dell’ampezzano Marco Devils che l’ha allestista nella propria abitazione. Qui sono conservati pezzi rari, medaglie, tute, caschi e molto altro: tutti oggetti e ricordi raccolti in vent’anni di collezionismo. I pezzi forti sono la medaglia d’oro dei Presidenti del club alla chiusura del Vespa Club 1971, i cimeli dell’Eurovespa 1963 a Cortina (tour riproposto nel 2019 proprio da Marco) e giocattoli risalenti agli anni tra il 1948 e il 1970 e provenienti da diverse parti del mondo: Francia, Stati Uniti e naturalmente Italia. Tante le avventure di Marco in sella a una Vespa: nel 2000 a Londra se ne innamora osservando la “scorribanda” di un vecchio gruppo di amici; nel 2004 affronta il giro degli Stati Uniti su una Vespa Rally del 1972, partendo da Cortina e percorrendo 5.000 km in due settimane. Sabato 10 ottobre un nuovo viaggio con tappa a Padova, Torino, Roma: un giro d’Italia in solitaria con una Vespa Sprint, per poi tornare alla propria “Wunderkammer” e alla meraviglia delle Dolomiti a Cortina.(per info e prenotazioni: +39 349 3608728).

Scoprire l’arte attraverso le mani: fino al 25 ottobre, al Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, è possibile ammirare i manufatti in creta dell’artista ampezzana Sandra Costantini. La manipolazione della creta è diventata per Sandra, ipovedente, un’esperienza vitale ed è ormai il mezzo privilegiato per esprimere le sue pulsioni creative. Non solo, il desiderio dell’autrice è quello di far comprendere e fornire a ognuno uno stimolo che lo incoraggi a ricercare nella creta o in altri materiali il mezzo per esprimersi, dando forma ai propri sogni. Il 24 ottobre, alle ore 18.00, si terrà l’incontro “La montagna vissuta con gli altri sensi” con Marco Calzà, alpinista non vedente, e il suo accompagnatore Mauro Girardi, guida alpina.  Per entrambi gli appuntamenti i posti sono limitati e su prenotazione (per info e prenotazioni: 0436 866222 | museo@regole.it | www.musei.regole.it).

Foto: @CortinaMarketing.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *